Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Rapporti familiari violenti

Rapporti familiari violenti è l’ottavo evento di un ciclo di incontri (10 appuntamenti), curati dallo staff di Psicologia in Tribunale, dal titolo Oltre la Cronaca. Riflessioni su temi di cronaca giudiziaria indagati con la lente dello psicologo.

Gabriella Toscano, psicologa giuridica, psicoterapeuta, CTU presso il Tribunale di Catania, dialoga con Alessandra Pauncz, psicologa e psicoterapeuta, che da oltre 20 anni si occupa dei temi di maltrattamento e violenza sulle donne, fondando nel 2009 il primo centro in Italia per la presa in carico degli uomini autori di violenza (Presidente della rete nazionale dei Centri che lavorano con gli autori ReLive – Relazioni Libere dalle violenze, membro del board della WWP-EN Associazione Europea Work With Perpetrators – European Network), e Annalisa Amato, magistrato del Tribunale di Marsala, referente in materia di tutela dei diritti delle vittime di reato.

In che modo è cambiata la vita in famiglia negli ultimi decenni? Durante questa pandemia, si è acuità la conflittualità tra le mura domestiche? La violenza di genere ha radici culturali?

La violenza che non ti aspetti, quella tra familiari, è una violenza sottostimata, frutto di disagio psichico ma anche di retaggi culturali difficili da debellare. Il fenomeno ha dimensioni inquietanti, se è vero che secondo il Consiglio d’Europa una donna su quattro subisce violenza da parte del partner o ex partner nel corso della vita. La famiglia è diventato lo spazio relazionale, come sosteneva James Hillman, dove ha luogo la nostra educazione sentimentale. Ma spesso le dinamiche al suo interno sono drammatiche e producono gravi condizioni di sofferenza e disagio.

Da uomo a uomo, il libro di Alessandra Pauncz, non è un libro sulla violenza ma un libro che mette a fuoco la distanza che mettiamo tra noi e la violenza. Grazie alle testimonianze raccolte al Centro di Ascolto Uomini Maltrattanti, l’Autrice dà voce a uomini che raccontano la loro esperienza: non solo chi ha avuto un passato di violenza agita, e ha poi scelto un percorso di consapevolezza e cambiamento, ma anche operatori e uomini “normali”, che si interrogano sulla propria relazione con la violenza nei rapporti personali e familiari. Perché siamo tutti parte del problema, ma proprio per questo possiamo anche diventare parte della soluzione.

Bisogna guadagnare una “giusta distanza” dalla quale guardare alla violenza domestica, trovare un modo per parlarne e rifletterne che la avvicini alla nostra esperienza, cercando di comprendere i meccanismi che la governano e i codici culturali che la favoriscono. E allora, cosa possono fare i tecnici, psicologi e operatori dell’ambito giuridico, coloro che sono chiamati ad ascoltare questi racconti e ad intervenire per trovare soluzioni possibili? Proveremo a capire qualcosa di più su questi fenomeni insieme alle relatrici di questo interessante incontro di Oltre la Cronaca, che ci spiegheranno come sia necessario sapersi calare nei panni di coloro che, con grande forza di volontà, bussano alle porte dei nostri studi e trovano coraggio di affidarsi e mettere a nudo la propria storia di vita.

Il contributo per la partecipazione è di € 5,00 da versare direttamente online al momento dell’iscrizione, potendo scegliere tra circuito Paypal (anche per carte di credito) o bonifico bancario.

L’evento è in corso di accreditamento presso il CNF per la formazione continua obbligatoria per gli Avvocati.


La giustizia e la psicologia sono due ambiti disciplinari molto diversi, ma hanno una cosa in comune: si occupano entrambi di storie, storie vere, storie di vita! E le storie, almeno quelle che arrivano nelle aule dei tribunali e negli studi degli psicologi, sono sempre intrise di sofferenza e di dolore. Sono storie di vita che la cronaca giornalistica – moderna forma di narrazione tragica – ci racconta ogni giorno con dovizia di particolari. Attraverso quei racconti ci addentriamo nei pensieri, nei sentimenti, nei risvolti conflittuali e drammatici della vita dei protagonisti. Ma cosa succede oltre la cronaca, quando queste vicende sono fatte oggetto di indagine giuridica ed è necessario ricostruire i fatti e indagarne la complessità? Durante questi incontri, parleremo con scrittori e personalità del mondo giuridico, psicologico e criminologico di cosa accade quando i riflettori si spengono e le persone si trovano a fare i conti con dure realtà.